18/10/2019, ore 10:27 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Skip Navigation Links
 HOME 
 FILM 
 NEWS 
 ATTORI e REGISTI 
 COMMUNITY 
 FORUM 
SHOUTBOX:
24/09/2019, 10.56
King Ghidorah: Ciao SuperGodzi, benvenuto. Vuoi presentarti nell'apposito topic?
23/09/2019, 22.08
SuperGodzi: Ciao a tutti
20/09/2019, 16.56
**Mr.DooM**: Inizio io. Ps: Hai poi visto Monstrum?
20/09/2019, 15.10
MarkZilla: ..Cmq oggi è il mio compleanno... pare brutto fare una richiesta?? vorrei qualche bella Kajiu Torta nell'apposita sezione...conto su di voi!
20/09/2019, 15.09
MarkZilla: Dark Crystal... ottimo a sapersi... pensavo fosse fatta male ad una prima occhiata...
12/09/2019, 21.53
OmegaSaurus: fidati che va in crescendo
12/09/2019, 19.39
ShinManzilla: Ho appena terminato la visione del primo episodio di The Dark Crystal, e concordo pienamente con Omega... se davvero l'intera stagione si manterrà al livello della prima puntata, potrebbe benissimo scavalcare Good Omens diventando la mia serie preferita di quest'anno
11/09/2019, 22.10
OmegaSaurus: usa imgur ora come ora per il caricamento di immagini è più affidabile
11/09/2019, 16.14
King Ghidorah: Mannaggia a Tinypic...
10/09/2019, 22.42
OmegaSaurus: per chi ha Netflix consiglio la BELLISSIMA serie 'The Dark Crystal: La Resistenza'... una vera delizia
10/09/2019, 12.23
Rodan: Può sembrare così visto che le edizioni 2017 e 2018 erano state strepitose per il livello dei film proposti, ma come il buon vino non sempre si può raccogliere il meglio (quest'anno dicono anche che Cannes abbia fatto il pigliatutto). Però, come organizzazione, qualità degli ospiti e per l'entusiasmo del pubblico è stata una delle migliori edizioni da quando ci vado, per la prima volta ho "sentito" davvero di essere a un grande festival internazionale. A questo aggiungi che il programma era mediamente buono, non ci sono stati sostanzialmente brutti film... quindi quel "tono minore" diventa abbastanza relativo :)
09/09/2019, 12.46
King Ghidorah: Possiamo dire che è stato un festival in tono minore?
09/09/2019, 11.09
Rodan: Bel film, ma il Leone è davvero esagerato, si è avvantaggiato del fatto che la giuria era divisa e la selezione dei titoli non presentava outsider indiscutibili (io stesso non saprei indicare un vincitore assoluto)
09/09/2019, 10.41
King Ghidorah: Aspetto un commento di Rodan sul vincitore Joker...
28/08/2019, 00.56
ZillaUniverse: Buona visione per la Mostra, grande Rodan. :)
25/08/2019, 11.23
Rodan: Volevo avvisare gli utenti che, causa trasferta alla Mostra di Venezia, da domani non potrò aggiornare sito e pagina FB. Ci rileggiamo dopo il 7 Settembre :)
02/07/2019, 20.24
Rodan: Prosegue il gaudio con il sondaggio sulle protagonisti femminili del MonsterVerse, sempre sulla pagina FB, accorrete accorrete
24/06/2019, 17.21
Rodan: Segnalo per puro gaudio il sondaggio sulla pagina FB fra i protagonisti maschili dei due Godzilla MonsterVerse
12/06/2019, 17.04
Anung Un Rama: Grazie mille a tutti. E scusate se ringrazio solo ora. Non so quanto riuscirò ad essere presente visto gli impegni. Ma grazie mille :)
12/06/2019, 13.52
ZillaUniverse: Anche io do il benvenuto ad Anung Un Rama. :)
11/06/2019, 22.59
King Ghidorah: Mi unisco al benvenuto ad Anung Un Rama ;)
11/06/2019, 18.47
**Mr.DooM**: Benvenuto anche da parte mia a Anung Un Rama :-)
11/06/2019, 14.12
Rodan: Benvenuto Anung Un Rama ;)
05/06/2019, 22.34
King Ghidorah: Rogo', pigliati un amaro del capo e chiudi la serata in bellezza :D
05/06/2019, 21.59
ROGORA: grazie dell'affettuoso saluto. Appena possibile posterò le mie modeste opinioni sul film. Per ora posso solo dire che mi sento un pò come se avessi cenato con cacciucco, pappardelle al cinghiale, trofie al pesto, rosticciana e frittura di pesce.. tutto insieme.... insomma un'indistione di robe buone ma troppe da digerire tutte insieme!
04/06/2019, 10.45
OmegaSaurus: Rogora caro, non ti si vedeva da qualche era geologica
04/06/2019, 00.30
ROGORA: Vi saluto in diretta dalla sala cinematografica (cosa sto guardando?.... che ve lo dico a fare?)
03/06/2019, 18.25
ZillaUniverse: Ma neanche tanto a dir la verità, per ora si sta difendendo bene.
03/06/2019, 13.47
King Ghidorah: Gli incassi sembrano molto al di sotto delle attese... speriamo bene.
02/06/2019, 14.22
Rodan: Aspettiamo tutti i pareri. Nel frattempo vi avviso anche che prima di un mese dall'uscita del film non pubblicheremo notizie su Godzilla vs Kong in modo da poterci concentrare e godere il presente (e distinguerci dal resto della rete che il giorno dopo ha già dimenticato tutto e passa subito oltre) ;)
Messaggio:  
Benvenuto, Ospite Topic attivi | Log In | Registrati

4 {0} Pagine: «<234
Gli odiati/amati Remake Opzioni
ROGORA
#61 Inviato : venerdì 16 marzo 2012 23.20.59
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 1.701
Ho visto il remake di Conan ...ed è decisamente un DISASTRO!
per fortuna che da bambino ebbi il piacere di vedere l'originale di John Milius al cinema (in terza visione, diciamoci la verità) e ne conservo tuttora un ricordo piacevole.
Oltre alla cura scenografica ed alla direzione artistica (basata sugli ottimi concept del grande Ron Cobb), il film si qualificava per l'ottima storia (perfettamente costruita e sviluppata) che delineava il personaggio, le sue motivazioni ed il suo temperamento (e considerando che il tutto girava attorno ad un attore legnoso come Schwarzenegger al suo primo ingaggio non era certo roba da poco!). anche se gli effetti speciali di allora sembrano adesso primitivi (valgano per tutti i demonietti a cartoni animati), il primo Conan vantava uno splendido sense of wonder, curiosamente assente in tutte le analoghe produzioni successive.

questo nuovo Conan invece è frutto di una regia regia ed un montaggio tragicamente pedestri (certo, non a livello dell'inqualificabile Prince of Persia!), uniti ad una trama farraginosa e a momenti che sembrano girati da Ed Wood (non scherzo) con qualche milione di dollari in più a disposizione.

Meno male che un domani potrò far conoscere alle nuove generazioni Conan tramite il film originale, perchè contare su questo sarebbe imbarazzante per la bassissima qualità del prodotto (siamo ad un livello di scarsità analogo a quello del pessimo Solomon Kane, altro naufragio cinematografico!).
Sarà pur vero che per me (che ho conosciuto Conan il barbaro tramite le raffinatissime tavole di Barry Windsor Smith, dense di suggestioni preraffaellite), la saga dell'eroe cimmero significava soprattutto una continua incursione fra architetture esotiche sotto cui si nascondevano orrori degni di Lovecraft, ma qui non vi è nulla di minimamente convincente.
A parte la complessione fisica dell'interprete Jason Momoa (allo stato dei fatti parlare di "attore" mi sembra un parolone!) che, tutto sommato, si avvicina abbastanza all'immagine delinata dall'indimenticato Frank Frazetta in questo fremake tutto il resto è latente. Mi spiego meglio: mancano tutte le componenti che rendono un action fantasy (o, per dirlo con un sano termine autarchico, un peplum) degno di essere guardato. Costumi, scenografie, locations, azione, avventura, giunoniche eroine discinte e financo le coreografie di lotta con le spade... è tutto di livello talmente approssimativo da essere robaccia! Anche la violenza grafica che questo sottogenere cinematografico è riuscito a sdoganare nei decenni e rendere epica, si riduce qui a una serie di immotivate, grottesche e fin troppo autocompiaciute secchiate di sangue (abete letto bene: secchiate) e qualche rissa che non possiede neppure la sonora ludicità delle scazzottate di Bud Spencer.
ultima notazione: nemmeno la "bella" di turno è poi particolarmente bella e il punto più basso del film lo si raggiunge con l'epigrafe che la convince a concedersi 'na bottarella col nerboruto protagonista:
<<Io vivo, amo, ammazzo ....e sono contento>>
...fate un pò voi.
King Ghidorah
#62 Inviato : sabato 17 marzo 2012 15.17.47
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 1.762
Locazione: In un piccolo cinema parrocchiale
ROGORA ha scritto:
(siamo ad un livello di scarsità analogo a quello del pessimo Solomon Kane, altro naufragio cinematografico!).
Sarà pur vero che per me (che ho conosciuto Conan il barbaro tramite le raffinatissime tavole di Barry Windsor Smith, dense di suggestioni preraffaellite), la saga dell'eroe cimmero significava soprattutto una continua incursione fra architetture esotiche sotto cui si nascondevano orrori degni di Lovecraft, ma qui non vi è nulla di minimamente convincente.


E' sempre un piacere leggere le tue brillanti recensioni.

Devo dire che non condivido il giudizio su Solomon Kane, prodotto senza particolari meriti ma che mi ha discretamente divertito.
Mi spalmo invece sulle lodi a Sir Barry Smith. Conobbi Conan sugli A.S.E. della Corno ed inizialmente storsi il naso perchè non capivo cosa c'entrassero con il mondo Marvel. Dopo però è scattatato l'amore...

ROGORA
#63 Inviato : martedì 20 marzo 2012 19.56.02
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 1.701
Grazie per la lusinga, King (ma non ho nessuna intenzione di rubare il lavoro al nostro Rodan)!

in realtà, più che una recensione questa è una sonora stroncatura. Spero tuttavia di averla oculatamente motivata.

c'è un fatto che mi preoccupa seriamente dietro a questa mania di remake: sembra sempre più inequivocabile che, a fronte di una evidente crisi del cinema e una ancor più evidente crisi di idee da parte di soggettisti e produttori, il criterio più accreditato consista nell'andare a ripescare vecchi blockbuster come se costituissero garanzia di rinnovati introiti.

nei decenni scorsi abbiamo assistito al repechage delle vecchie serie televisive che furoreggiarono negli anni '60 e '70 (il capostipite di questa tendenza lo individuerei nel primo Batman di Tim Burton); poi a seguire (trainati dal successo del Mission Impossible di Tom Cruise) sono arrivati tutti i remake dei serial televisivi più gettonati del passato (dalle cose ottime tipo Famiglia Addams alle porcate tipo Thunderbirds o Beverly Hillybillies).
Il passo successivo lo ha dettato Harry Potter e la trilogia del Signore degli anelli (che ha spinto i produttori cinematografici a saccheggiare tutta la letteratura consimile, vedi Narnia, Therabitia, ecc.).
successivamente l'ottimo Batman Begins ha trainato con sè tanti (per lo più pessimi) supereroi dei fumetti.
Ora siamo passati alla riedizione dei film che furono record di incassi negli anni '80. E qui il criterio si è fatto evidentemente più disinvolto e si confezionano remake senza più guardare in faccia a nessuno (nel senso che si riedita di tutto, da Nightmare a San Valentino di Sangue, basta sia roba che nei decenni passati ha totalizzato qualche milione di dollari di incassi).
Quello che sembra essere sfuggito ai mecenati (si fa per dire) dell'industria cinematografica è che un film uscito vent'anni fa piaceva ad un pubblico di vent'anni fa (che magari ha una preparazione culturale ed un gusto differenti dai loro coetanei odierni) e non basta rimescolare una buona sceneggiatura infarcendola di combattimenti o di inseguimenti da chiassoso videogioco per fare un remake coi fioccchi.
Temo che la lezione di un John Carpenter (mi riferisco a La Cosa) non sia stata colta dai più.
Rodan
#64 Inviato : venerdì 23 marzo 2012 20.20.19
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.535
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
A proposito di remake, pare che anche quello di Uomini che odiano le donne non sia stato un grande successo, nonostante le recensioni positive.

Che si sia davvero alla fine di un trend?
Watch the Skies!
shinmattiathekaiju
#65 Inviato : sabato 24 marzo 2012 0.41.30
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan

Iscritto: 12/04/2010
Messaggi: 1.016
Locazione: forlì
Rodan ha scritto:


Che si sia davvero alla fine di un trend?



Incrocio le dita.
Il 90% degli otaku d'Italia pensa che gli eroi Marvel e DC sono merda. Se sei del restante 10% metti questo nella tua firma.
''Lascio volentieri i premi Oscar alla critica, ma a me datemi Cinecomix, Fantascienza e Fantasy.''
Rodan
#66 Inviato : sabato 24 marzo 2012 13.21.58
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.535
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
shinmattiathekaiju ha scritto:

Incrocio le dita.


Ma tanto ormai hanno rifatto quasi tutto, c'è rimasto poco da salvare Laugh
Watch the Skies!
godzyfan
#67 Inviato : lunedì 26 marzo 2012 15.41.29
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 608
shinmattiathekaiju ha scritto:
Rodan ha scritto:


Che si sia davvero alla fine di un trend?



Incrocio le dita.



In effetti, guardando le uscite dei prossimi sei mesi circa non noto nessun remake (non considero reboot o prequel ovviamente, come Prometheus o il nuovo Spider-man), cosa strana considerando l'invasione che abbiamo subito negli ultimi 10 anni, specialmente nel campo dell'horror...

Cosa ancora più strana è che alcuni recenti remake, anche piuttosto noti, siano improvvisamente spariti dai listini di distribuzione cinematografiche e finiti in quelli delle uscite dvd, cancellando così la loro prevista uscita in sala. Mi riferisco a Footloose (che pure ha incassato abbastanza bene in USA) e Straw Dogs, inizialmente previsto a dicembre e ora appunto in uscita direct-to-dvd. Per non parlare del nuovo The Thing, continuamente posticipato (uscirà mai?).
La cosa non mi interessa granché, dato che non li avrei visti comunque, però è un segnale che forse il mercato dei remake è davvero in rapido declino.

Come ho già ribadito varie volte, non sono contrario ai remake se fatti bene e utili (cosa che non sono quasi mai), però l'overdose preoccupante degli ultimi anni è stata solo deleteria e speravo davvero avesse fine... quindi forse, come dice Mattia, ci siamo!


Max
#68 Inviato : venerdì 5 aprile 2013 21.57.32
Rank: Administration


Gruppi: GI fan, Administrators, Staff GI

Iscritto: 04/12/2009
Messaggi: 1.622
Ennesimo remake di un film horror, anche se essendo un adattamento da un libro forse è sbagliato parlare di remake ?

ZillaUniverse
#69 Inviato : mercoledì 16 marzo 2016 23.49.28
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Registered

Iscritto: 27/01/2014
Messaggi: 352
Locazione: Napoli
Io non odio i remake ed anzi, ci sono dei casi in cui li accolgo ben volentieri..... ma la realizzazione di un remake di UN GRANDISSIMO CLASSICO come "BEN-HUR" non solo è completamente inutile, ma dal punto di vista personale è un enorme colpo al cuore (ho visto "Ben-Hur" per la prima volta all'età di 11 anni e me ne sono innamorato, per me esiste solo il classico con Charlton Heston).

Lo dico, all'inizio non ero così diffidente, ma dal trailer, anche se i produttori cercano la scusa di voler fare un secondo adattamento diverso, sembra solo una copia del capolavoro del 59 e la cosa non mi va affatto giù. Le uniche note che per ora reputo positive sono:
1) Scene che mostrano Ben-Hur e Messala quando erano amici e che danno l'idea che in questo remake ce ne siano di più (nel film precedente ce ne erano solo due, anche se assolutamente potenti).
2) La presenza di Toby Kebbel e sopratutto il grandissimo Morgan Freeman.
3) Le scenografie ed i costumi (non dico nulla sugli effetti perché probabilmente non sono ancora completi).

Lo andrò sicuramente a vedere per curiosità, ma per ora mi ispira pochissimo.
OmegaSaurus
#70 Inviato : sabato 19 marzo 2016 21.20.34
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 2.283
Locazione: R'Lyeh
Mi ricordo quando su Internet "il remake di Ben-Hur" era la classica battuta riferita all'era dei remake moderni... e ora lo stanno facendo davvero ph34r
ROGORA
#71 Inviato : martedì 5 marzo 2019 22.38.07
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 1.701
Resuscito questo antico topic solamente per buttar giù poche righe sulla nuova versione del Nome della Rosa appena mandato in onda dalla RAI: purtroppo un imbarazzante disastro!
Privo di tutti quei meravigliosi spunti visivi che caratterizzavano il film di Jean-Jacques Annaud e che gli facevano perdonare i tradimenti rispetto al testo di Umberto Eco.
Quella era una festa per gli occhi: dalle tenebrose atmosfere alla straordinaria scelta degli attori e soprattutto dei caratteristi (con un'indimenticabile repertorio di fisionomie che sembrava attingere al Cristo Portacroce di Bosch fino ai Caprichos di Goya)... senza dimenticare il lancio di un formidabile Ron Perlman!
...Qui purtroppo siamo di fronte ad una banalità desolante: dalla piatta recitazione di Turturro (che d'altronde temevo) alla fotografia insignificante (riscattata solo da qualche bella ripresa dei paesaggi effettuata coi droni) e, persino , alla fastidiosa sensazione che regista e produttori siano andati a saccheggiare gli storyboards a suo tempo preparati dal genio fumettistico Philippe Druillet, finendo per riproporci alcune inquadrature rubate direttamente al primo film (vedasi il ritrovamento del cadavere di Venanzio).
Insomma, sto cercando di richiedere indietro il canone già pagato.
ZillaUniverse
#72 Inviato : mercoledì 14 agosto 2019 21.49.56
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Registered

Iscritto: 27/01/2014
Messaggi: 352
Locazione: Napoli
Sapete, negli ultimi anni, con la mia crescita di apprendimento cinematografico, sono cambiate un sacco di riflessioni, tra quello che penso dei remake, un modo di fare cinema che con il passare del tempo ho imparato ad amare totalmente. Perché? Ora ve lo spiego.

Ho sempre pensato che realizzare un remake fosse semplicemente svecchiare un film già datato di suo senza stravolgere nulla, quindi rifare una pellicola che magari è un capolavoro ma che non è resistito al tempo cambiare particolarmente la trama ed aggiungere un approfondimento dei personaggi protagonisti che nella versione precedente non c'era. Bisogna conservare lo spirito di tutto e se fai uno stravolgimento è inutile, tanto vale fare un film completamente originale.

L'idea dell'inutilità di un remake stravolto è andata man mano a distruggersi con il passare del tempo. Il film che ha completamente cambiato modo di vedere le cose da questo lato è stato "Halloween" di Rob Zombie. Io ho avuto l'immensa fortuna di vedere il capolavoro di Carpenter per la prima volta direttamente al cinema ed ancora oggi continua ad essere in assoluto il mio horror preferito. La cosa che più mi ha affascinato e trasmesso così tanta inquietudine tanto da rimanere nei miei incubi per un intero anno è stata la figura di Michael Myers. Michael Myers infatti riflette il male assoluto e ciò che Carpenter intende per male assoluto è una macchina di morte senza emotività, che fa le cose perché è nato per farle senza alcun motivo e razionalità, una cosa con cui non puoi ragionare e che quindi può colpire l'essere umano in qualsiasi momento e che non morirà mai.

In base a questa rappresentazione del personaggio io mi sono per lungo tempo rifiutato di vedere il remake di Rob Zombie per due motivi:

1) Halloween è un capolavoro immortale che oggi funziona benissimo e che quindi non ha bisogno di un remake.

2) Diverse voci mi hanno detto che Michael Mayers in quel film è una persona che ha subito traumi e maltrattamenti, quindi una persona legata fortemente ad una cosa emotiva e quindi io a prescindere non l'avrei guardato, perché a prima vista mi sembrava un insulto al personaggio.

Sapendo tuttavia che Rob Zombie è un autore rispettato, ho deciso un giorno di guardare il film, facendo finta di guardare un'opera completamente diversa che probabilmente avrei diviso tra remake e film a parte. Tuttavia è stato molto difficile vedere l'opera come un film a parte, perché ad un certo punto la trama ricalca fortemente quello di Carpenter. Vedere un Michael Myers completamente diverso nell'animo, che agisce perché è stato mutato dalle persone attorno a lui e che continua a fare tutto per la missione di ritrovare sua sorella (riferimento al secondo film che però io non considero) mi ha spiazzato... ma allo stesso tempo mi ha colpito enormemente il personaggio perché era scritto in una maniera davvero sublime, tra i più belli antagonisti horror che abbia mai visto.

A quel punto però ho cominciato a dire "Ok, è un bellissimo personaggio ed il film di per sé è bellissimo, ma non è di certo un'opera su Michael Myers". Sempre quel ragionamento "bellissimo film, ma pessimo remake". Avendolo apprezzato molto ho guardato anche il seguito che ho letteralmente amato e che si distaccava dai vecchi film in maniera definitiva. Dopo tutto questo mio amore ho cominciato a riflettere pensando il perché ritenessi che quell'uomo non fosse Michael Myers, perché nonostante il nucleo stiamo parlando comunque di una persona che non ha pietà per nessuno ed uccide perché deve farlo e sempre con quella maschera e quella musica iconica.

Michael Myers rappresenta il male assoluto ed il male assoluto è una figura astrale senza emotività che ti prenderà senza un motivo preciso e che non morirà mai. Rob Zombie ha cercato di parlare del male assoluto? Secondo Rob Zombie il male assoluto è il sistema sociale egoista e capitalistico in cui viviamo, che distrugge il cuore dell'essere umano che trasforma i propri figli in macchine di morte senza emotività. La soluzione di Rob Zombie è quindi completamente diversa da quella affrontata da Carpenter in "Halloween", ma alla fine stiamo sempre parlando di male assoluto. Chi è il male assoluto? Michael Myers. Abbiamo quindi Michael Myers secondo John Carpenter e Michael Myers secondo Rob Zombie. Due versioni del personaggio completamente diverse ma che nello spirito sono sempre quelle.

Siamo spesso dell'idea che i remake migliori sono quelli che prendono un film che ha meno contenuti profondi alla base per completarlo e trasformarlo in qualcosa di migliore ("La Cosa" dello stesso Carpenter) o di un capolavoro storico che però è datato a tal punto da aver bisogno di un evoluzione visiva e psicologica (i remake di "King Kong"), oppure rifare un film brutto migliorandolo.

Chi è datato o ha bisogno di un miglioramento tutto ok, ma i capolavori immortali si possono "rifare"? Ricordo quanto ero arrabbiato al pensiero di un remake di "Ben-Hur" (che non ho ancora visto), perché l'originale è intramontabile e non deve essere toccato. Oggi invece un remake di un capolavoro immortale lo accetterei benissimo, ma perché?

Qualcuno ha visto "La Bella e la Bestia" di Bill Condon, remake del film d'animazione della Disney? Bene, quel film era un remake completamente sbagliato, perché non aggiungeva quasi nulla al film originale come approfondimento, ma lo copiava all'85% con una messa in scena decisamente più povera nelle inquadrature: (Bill Condon non ha messo alcun guizzo registico e le rare volte in cui c'è è copiato direttamente dall'originale. Che senso ha fare un remake di un film perfetto che è quasi identico a quest'ultimo? Nessuno, perché l'originale continuava ad essere perfettamente visibile anche oggi (specialmente un film d'animazione come "La Bella e La Bestia" che guardano ancora tutti).

In questo caso i remake di capolavori immortali come quello sono da condannare al 95%. Ora invece prendo in ballo un altro capolavoro immortale: "Suspiria" di Dario Argento. La notizia che Luca Guadagnino stesse realizzando un remake di quell'horror perfetto che ancora oggi va benissimo ha fatto rizzare i capelli a molti. Poi ho visto il remake al cinema: straordinario. Un film estremamente autoriale, fatto con una visuale che nessun horror possiede, completamente diverso sia dal punto di vista visivo che dal punto di vista della trama rispetto all'originale. E qualcuno dirà: ma scusa, se è completamente diverso allora che senso ha chiamarlo "Suspiria"? Guadagnino poteva fare un film originale suo senza scomodare Argento.

Sapete come è nato il progetto? Non è stata una casa di produzione che ha affidato a Guadagnino il lavoro e poi lui ha fatto quello che gli pare. Da tantissimo tempo il Luca Guadagnino voleva realizzare una sua versione di "Suspiria", almeno da più di venti anni. Perché? Perché ha guardato un film che lo ha segnato profondamente ed ha pensato "Questa è una grandissima idea, voglio svilupparla anche io, ma a modo mio." Alla fine, guardando il remake, pur essendo completamente diverso dal capolavoro di Dario Argento, lo spirito di una scuola di danza posseduta dalle streghe che vogliono avere il controllo su tantissime cose è perfettamente mantenuto nonostante i personaggi e gli eventi siano diversissimi. La stessa cosa è successa con "Dumbo" di Tim Burton, che è molto diverso dal capolavoro degli anni 40 e rispetta perfettamente la visione autoriale di Tim Burton (a differenza di altri remake live action Disney statitici).

Questo, cari amici cinefili, è il motivo per cui oggi amo i remake, perché essi rispecchiano l'idea di un autore che dice "Che grande idea, che grande personaggio, ma nella mia visione sono sicuro che potrebbe funzionare in maniera definitiva." E questo non cancella affatto il capolavoro precedente, ma anzi, il cinema ne guadagna, perché se il remake è fatto secondo una mano d'autore che ci sa fare, in questo modo non abbiamo più una grande pellicola, ma abbiamo due grandi pellicole delle quali io posso avere determinate preferenze in base alla visione autoriale che mi piace di più. Questa cosa sacrosanta non vale solo per i remake, ma per qualsiasi tipo di trasposizione. Per esempio, non vedo l'ora di gustarmi la nuova versione del Joker con protagonista Joaquin Phoenix. Perché mi va benissimo vedere un'altra volta Joker al cinema? Non solo perché amo il personaggio, ma perché è stato già proposto in versioni diverse e questa sembra completamente diversa dalle altre, dandomi sempre però l'impressione che sto guardando qualcosa sul personaggio.

I remake, quelli veri, sono le pellicole che ti ripropongono qualcosa di già visto ma allo stesso tempo offrendoti qualcosa di completamente nuovo, un modo bellissimo per mostrare l'autorialità al massimo. Tutto questo ovviamente se parliamo di pellicole fatte bene e non solamente per scopi commerciali. Per carità, viva le idee originali, ma viva anche le reinterpretazioni. Smile
King Ghidorah
#73 Inviato : venerdì 16 agosto 2019 10.46.35
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 1.762
Locazione: In un piccolo cinema parrocchiale
Bello spunto ma che non condivido nella sua filosofia.
Io non amo i remake, non perchè creda nella lesa maestà ma semplicemente perchè nel 99% dei casi sono una furbata commerciale volta a sfruttare quanto inventato da altri. E' una questione di principio.

Questo non toglie che in rarissime occasioni la cosa possa riuscire. Mi viene in mente il da te citato "La Cosa" ma si tratta di mosche bianche. Per dire, io ho il "Suspiria" di Guadagnino da vedere. Non riesco ad arrivare oltre la mezz'ora che mi cala la palpebra...
Senza però scomodare l'autore e rimanendo nell'ambito horror ricordo riproproposizioni immonde come "La Casa", "Nightmare" ,"Non aprite quella porta", ecc.

Poi per carità, ognuno è libero di fare i remake che vuole ed ognuno è libero di andarseli a vedere ma non è la mia idea di cinema.

ZillaUniverse
#74 Inviato : venerdì 16 agosto 2019 11.39.51
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Registered

Iscritto: 27/01/2014
Messaggi: 352
Locazione: Napoli
Però dire che il 99% siano furbate commerciali è una cosa un po' troppo generica e precipitosa, non ti sembra? Almeno un 50%-60% direi. Inoltre anche se il progetto nasce come idea commerciale, non è detto che esso sia per forza un male, perché un produttore può benissimo affidarlo ad un regista che si interessa dell'idea per fare qualcosa di completamente suo (un caso è appunto "Dumbo" di Tim Burton). "Suspiria" di Guadagnino può sicuramente non piacere, ma almeno si tratta di una pellicola che ogettivamente è completamente autoriale senza alcun mezzo commerciale. Precisiamo che poi noi non ci lamentiamo mica del fatto che hanno fatto un sacco di Godzilla diversi in 20 anni. Laugh
OmegaSaurus
#75 Inviato : mercoledì 11 settembre 2019 15.27.46
Rank: Advanced Member


Gruppi: Registered, GI fan

Iscritto: 03/12/2009
Messaggi: 2.283
Locazione: R'Lyeh
King Ghidorah ha scritto:
ognuno è libero di fare i remake che vuole ed ognuno è libero di andarseli a vedere

e qui dovrebbe iniziare e finire qualsiasi discussione riguardo ai remake

un remake non è nulla di diverso da una riedizione di uno spettacolo teatrale reinterpretato secondo specifici gusti e scelte creative, e la sua esistenza non inficia in alcun modo sull'esistenza dell'originale. Può dar fastidio che il prodotto 'nuovo' sia quello sott'occhio del pubblico generale, comprensibile, ma per il resto nessuno obbliga nessuno a consumare un prodotto, che alla fine di questo si parla. ma in tutto ciò coinvolgersi emotivamente o 'condannare' un remake a priori ha poca arte e nessuna parte

bellissimo che ne so, atto di forza di verhoeven, il remake non m'è piaciuto, detto alla romana fa cagà, e finisce lì, se voglio vedermi l'originale tiro fuori il blu-ray o chichessia e me lo guardo

au contraire a volte i remake escono fuori migliori dell'originale, vd. King Kong di Jackson o in prima posizione La Mosca di Cronenberg

Rodan ha scritto:

Che si sia davvero alla fine di un trend?


questo messaggio però lo metto tra i 'post che non sono invecchiati affatto bene' whistling BigGrin BigGrin
Rodan
#76 Inviato : giovedì 12 settembre 2019 11.06.22
Rank: Advanced Member


Gruppi: GI fan, Moderatore, Staff GI

Iscritto: 02/12/2009
Messaggi: 5.535
Locazione: Isola dei mostri di Ogasawara
OmegaSaurus ha scritto:

Rodan ha scritto:

Che si sia davvero alla fine di un trend?


questo messaggio però lo metto tra i 'post che non sono invecchiati affatto bene' whistling BigGrin BigGrin


L'ottimismo è il sale della vita BigGrin

Io comunque il problema l'ho risolto alla radice e i remake non li vedo più a prescindere, "scottato" da troppe operazioni inutili, praticamente il rapporto è di 10 a 1 fra cattivi e buoni, troppo basso per investirci tempo e risorse. Purtroppo i remake, che in sé non sono un male, sono ormai territorio d'azione di pratiche industriali e quindi, sì, ha ragione King quando scrive di "operazioni commerciali". Si rifanno i film perché il titolo è già famoso e "tira". Ci sono eccezioni in cui è l'autore che vuole omaggiare un film che ama, ma sono, appunto, eccezioni e le devi cercare con il lanternino.

Questo senza stare a ribadire che oggi vanno per la maggiore soltanto remake, live action Disney (che a loro modo sono pure remake) e cinecomic, quindi stare a fare le crociate per difenderli è inutille e controproducente: perché devo difendere ciò che ha ugualmente spazio e visibilità?

Faccio un esempio concreto: qui a Taranto ci sono sei cinema. Due sono in ristrutturazione (uno diventerà una multisala), due sono occupati da Il re leone e It (quindi due remake), rimangono solo due schermi su cui si può sperare di vedere qualcosa. Il risultato è che film come Burning, La vita invisibile di Eurídice Gusmão, Vox Lux, La mafia non è più quella di una volta, Il regno, The Rider qui non passano.

E io dovrei passare il mito tempo a difendere i remake o a sperare che l'Oscar lo vincano i cinecomic? Risposta

Ps: se di fronte a quei titoli state pensando "che roba è?" la risposta è "appunto!" Laugh

Ps: alcuni li ho comunque visti ai festival (aggiungo che alcuni non mi sono neanche piaciuti, ma restano comunque da vedere in quanto ipotesi di cinema non consueto), ma naturalmente qui ragiono in termini di visibilità e quindi di distribuzione, che è il vero problema.
Watch the Skies!
Utenti che sfogliano il topic
Guest
4 {0} Pagine: «<234
Forum Jump  
Tu NON puoi inviare nuovi topic in questo forum.
Tu NON puoi rispondere ai topics in this forum.
Tu NON puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum.
Tu NON puoi creare sondaggi in questo forum.
Tu NON puoi votare nei sondaggi di questo forum.

YAFPro Theme Created by Jaben Cargman (Tiny Gecko)
Powered by {0} versione {1} YAF | YAF © 2003-2009, Yet Another Forum.NET
Pagina generata in 0,501 secondi.