21/02/2019, ore 13:05 |  Login  |  Registrati

Ricerca Film in database:
Bookmark and Share




Skip Navigation Links
 HOME 
 FILM 
 NEWS 
 G WORLD 
 COMMUNITY 

:..ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI..:


:..ULTIME SCHEDE FILM INSERITE..:

ULTIME NEWS

Spot con scene inedite per Godzilla 2!


 
  

Arriva online uno spot televisivo di Godzilla II – King of the Monsters, intitolato “Only One”, che ha la particolarità di presentare delle scene inedite del film!

Negli appena trenta secondi di durata, oltre a far intravedere i due misteriosi MUTO già adocchiati nel secondo trailer ufficiale, lo spot suggerisce un esaltante duello aereo fra Rodan e King Ghidorah (oseremmo aggiungere doveroso, visto quanto il regista Mike Dougherty adora lo pteranodonte)!

Vediamo il filmato di seguito, è soltanto in lingua originale. Si ringrazia Marco Biasibetti per la segnalazione:

 


 

Shin Godzilla in Prima Visione TV!


 
  

A quasi due anni dall'uscita nelle sale italiane, e dopo i doverosi passaggi in Blu-Ray e DVD, Shin Godzilla approda finalmente su un canale televisivo in chiaro. E per fortuna non si tratta di un passaggio distratto, tutt'altro!


Il film di Hideaki Anno e Shinji Higuchi, infatti, debutta in prima visione questa sera, lunedì 18 Febbraio, su Rai4, alle ore 21:10, in pieno prime time.


 

Un'occasione imperdibile per rivedere (o scoprire per la prima volta) uno dei capolavori assoluti della filmografia del sauro atomico. Per ogni approfondimento rimandiamo alla nostra scheda, alla recensione presente sul sito e alle news in archivio.

La trasmissione tv arriva a una settimana esatta da quella di Kong: Skull Island in prima serata su Canale 5, segno di un rinnovato interesse delle nostre emittenti per i mostri giganti. Un ottimo modo per prepararsi all'arrivo di Godzilla II - King of the Monsters a Maggio.

È inoltre possibile vedere il promo della trasmissione tv sulla pagina Facebook di Rai4, buona visione a tutti.


 

Catastrofe su Nocturno di Febbraio


 
  

Qualcuno sul nostro Cafè lo ha definito il film “catastrofico definitivo” e in effetti Catastrofe, di Toshio Masuda, non passa inosservato: mutanti, guerre atomiche e devastazioni la fanno da padrone, mentre momenti come lo spettro solare che, deformato dall'inquinamento, trasforma il cielo in uno specchio sono di quelli che restano impressi per sempre. Prova ne sia il fatto che, a più di quarant'anni dalla sua uscita, e nonostante la Toho abbia lo praticamente rimosso, il film continua a far parlare e scrivere di sé.


Nel numero 194 della rivista Nocturno, in edicola da pochi giorni, è infatti presente un bell'articolo a cura dello specialista Max Della Mora che, similmente a quanto fece con Mars Men, ripercorre la storia del film, dalle origini al successo fino alla rimozione praticata dalla casa madre. In tutto sono quattro pagine (due di testo) con un bell'apparato fotografico, dove spicca pure uno scatto dal set con il regista al lavoro.
 


Curiosamente, l'articolo – che pure analizza le varie edizioni in videocassetta presenti in giro per il mondo – omette il “lieto fine”, ovvero la recente uscita in DVD per Sinister Film, che permetterà a una nuova generazione di appassionati di riscoprire il film. L'edizione, come più di qualcuno ha già notato, presenta sia la versione italiana d'epoca che quella originale integrale, ma entrambe provengono da master di bassa qualità, anche al di sotto degli standard consueti del formato digitale. Il motivo, ovviamente, è da ricercarsi proprio nella scarsità delle fonti: Toho non consente al film di essere rimasterizzato e così tocca accontentarsi.

Qui di seguito uno scatto dalla rete della vecchia VHS italiana della CG Home Video e, più sopra, la cover del DVD.

Segnaliamo infine che la riscoperta di Catastrofe non ha lasciato immuni neanche noi di Fantaclassici: da qualche settimana, infatti, è disponibile sul nostro sito la scheda del film, dove viene riassunta e spiegata la storia del film. Per i particolari rimandiamo senz'altro all'ottimo servizio di Della Mora sulla rivista.


 

La recensione di Godzilla Mangiapianeti


 
  

La trilogia anime di Godzilla è finalmente completa, grazie all'uscita del capitolo conclusivo, Godzilla: Mangiapianeti, disponibile su Netflix da un mesetto.

Dopo aver lasciato passare il consueto tempo di metabolizzazione, arriva quindi anche la recensione del film, firmata come le due precedenti dal nostro Andrea Gigante.


Contestualmente, diventa disponibile sul sito anche la scheda del film.


Nel lasciarvi alle parole di Andrea, vi ricordiamo che a questa seguirà un ulteriore pezzo generale per tirare le somme sull'intera trilogia. Buona lettura:

[ANIME] Godzilla: Mangiapianeti


 

Godzilla 1998 in Blu-Ray 4K


 
  

Confidavamo nel fatto che l'imminente arrivo di Godzilla II – King of the Monsters avrebbe spronato il mercato dell'home cinema a rilanciare qualche classico... ma la risposta arrivata è di sicuro quella meno attesa!


A ottenere il primo rilancio, infatti, sarà nientemeno che il Godzilla di Roland Emmerich, che Sony ha annunciato in formato Blu-Ray 4K Ultra HD sui mercati americani per il 14 Maggio.
 


Come preannuncia Digital Bits, il film è stato rimasterizzato in 4K, per l'appunto, con audio Dolby Atmos e i trailer come extra. La confezione naturalmente includerà anche il Blu-ray “normale” in cui troveranno spazio gli altri bonus già contenuti nelle precedenti edizioni, dal DVD in poi.

Non sembra siano quindi previsti nuovi extra, ed è un peccato visto il recente ventennale del film e la possibilità di rivedere l'opera in retrospettiva come abbiamo fatto qui su Fantaclassici con il nostro speciale.

Al momento non ci sono conferme per una possibile edizione italiana del film, ma Maggio è ancora lontano, quindi non facciamo altre previsioni. Il film di Emmerich è così il primo Godzilla a ottenere in Occidente il trattamento 4K. Al momento l'unico altro titolo in qualche modo collegato e presente nel formato in questione è Kong: Skull Island. Da notare quindi che nemmeno il Godzilla di Gareth Edwards fa ancora parte del numero, speriamo che almeno per lui arrivino novità nel prossimo futuro.


 

Godzilla 2 per il Capodanno cinese!


 
  

Un paio di giorni fa, il 5 Febbraio, era il Capodanno cinese, evento che – come ci ricorda Wikipedia – avviene “con la seconda luna nuova dopo il solstizio d'inverno”. Il 2019 segna così l'ingresso del vasto paese asiatico nell'anno del maiale, ultimo animale dello zodiaco locale, segno di personalità diligente, compassionevole e generosa.

Penseremmo mai, quindi, di associare simili qualità a uno dei nostri amati kaiju? Legendary lo pensa decisamente, visto che in occasione della festività ha diffuso quattro nuovi poster dei mostri, dedicati ai “gioielli della corona” della Toho, secondo la definizione di Mike Dougherty, ovvero quelli che compariranno nel prossimo Godzilla II – King of the Monsters!

Vediamoli iniziando ovviamente da Godzilla che “benedice con il potere dell'aiuto garantito dal suo potente fiato atomico, che dona la forza di trovare la propria “fonte” per essere pieni di energia ogni giorno”:


Segue Mothra, che “illuminerà e brillerà insieme a te, e dalle sue ali luminose risplenderà di visioni dei grandi piani che sono in serbo per te”:


È quindi la volta di Rodan, che aiuterà ad “accendere, ravvivare e ardere il proprio fuoco (interiore) più luminoso”:


Infine, King Ghidorah, “benedirà con il suo potere divino e straordinario, equivalente a quello di un essere a tre teste e sei braccia, regalando una forza sovrumana”:


Come si può notare, le capacità dei mostri sono declinate in senso benigno e vicino alla filosofia del paese della Grande Muraglia – complice il fatto che Legendary Pictures è di fatto posseduta dal gruppo cinese Wanda.

L'aspetto più particolare di questa rilettura è che si viene in questo modo a determinare una curiosa natura transnazionale dei personaggi, nati in Giappone, rielaborati dagli americani e ora declinati in senso cinese. Un segnale di globalizzazione, anche una consacrazione dell'importanza mondiale ormai assunta da queste icone, di sicuro materia su cui riflettere.


Fonte: weibo.com via Gormaru Island


 

Scopriamo il Godzilla della De Agostini


 
  

Anche in Italia siamo abituati ormai a riproduzioni di celebri modelli, proposte settimanalmente in edicola per essere assemblate, e la De Agostini è in prima fila nel settore: ricordiamo ad esempio il Millennium Falcon di Star Wars o, molto più recente, l'auto di Fast & Furious.

Ha però del clamoroso il fatto che in Giappone, la stessa ditta stia proponendo un favoloso modello di Godzilla, nella versione originale del 1954, radiocomandato, con bocca, collo, coda e arti mobili e creste dorsali che si illuminano. È inoltre previsto anche un altoparlante per fargli emettere il caratteristico ruggito e per riprodurre il caratteristico rumore dei passi (oltre ai brani musicali più noti di Akira Ifukube). Praticamente... full optional, full monstruosity!

Il modello, pensato per i 65 anni di Godzilla, è in scala 1/87, una volta assemblato sarà alto 60 centimetri ed è realizzato in polivinilcloruro e resina, con piccole parti anche in legno e metallo. La proposta è a cadenza settimanale, in 80 uscite, seguendo questo piano dell'opera:
 

  • Uscite dalla 1 alla 15 dedicate alla testa (struttura interna e pelle esterna)
  • Uscite dalla 16 alla 30 con gli ingranaggi delle parti mobili
  • Uscite dalla 31 alla 50 per l'impianto elettrico utile a farlo muovere
  • Uscite dalla 51 alla 65 per lo scheletro
  • Uscite dalla 66 alla 80 per la pelle esterna e il completamento

 

Per il funzionamento sono previste 6 batterie di tipo stilo AA, utili ad azionare i 6 motori contenuti all'interno della struttura. A queste si aggiungono altre quattro batterie per il telecomando a infrarossi. In allegato alla collana ci sarà anche un DVD speciale.

Ecco una piccola gallery. Iniziamo dal modello intero:




Il particolare della bocca:



Le creste dorsali che si illuminano:



Visione della struttura interna:


Con le prime uscite sarà inoltre possibile prenotare lo sfondo di Ginza a Tokyo (telo in tessuto), da usare per rendere ancora più efficace l'esposizione in casa e richiamare le scene del capolavoro originale di Ishiro Honda.


La prima uscita (del 28 Gennaio) è offerta al prezzo lancio di 490 yen (circa 4 euro), mentre le successive a 1990 yen (circa 16 euro). Il che porta il prezzo totale a oltre 1200 euro. D'altronde, come il comunicato precisa, non si tratta di un giocattolo (il target d'età è al di sopra dei 14 anni), ma di un vero e proprio oggetto da collezione.

Per la gioia dei numerosi fan italiani e occidentali già impazziti per la notizia, è comunque bene precisare che si tratta di un prodotto esclusivo per il Giappone... evitate pertanto di “perseguitare” i vostri poveri edicolanti!

 


 

Il re dei mostri: recensione del DVD


 
  

Dopo aver seguito gli sviluppi fin dall'inizio, non potevamo naturalmente non dedicare un approfondimento alla prima edizione assoluta per l'home video italiano de Il re dei mostri, di Motoyoshi Oda.

Il film è infatti disponibile nei negozi dopo una lunga attesa. Potete leggere il nostro resoconto sull'edizione (arricchito da una completa galleria fotografica), cliccando sul banner sottostante:


 

La linea di giocattoli di Godzilla 2


 
  

Archiviata per il momento la pratica dei modellini da collezione, è arrivato il tempo di dare un'occhiata alla linea di giocattoli di larga diffusione, legata all'uscita di Godzilla II - King of the Monsters, che riporterà Godzilla & co. nei negozi della grande distribuzione.

La linea è curata dall'americana Jakks Pacific e, dopo quella che è apparsa come una fuga di notizie, è stata poi subito dopo rivelata ufficialmente da Toho Kingdom. Vediamo i modelli, iniziando naturalmente da Godzilla (cliccando sulle immagini sarete reindirizzati alla fonte con le versioni più grandi). Il sauro atomico sarà disponibile in due versioni, una standard da 51 cm di lunghezza:




E  poi una “Giant” da 101 cm:


Oltre al classico modellino, sarà disponibile anche una maschera elettronica, che ruggisce quando si apre la bocca:

Abbiamo poi Rodan, in versione piccola (circa 15 cm) con allegato un mini-diorama con palazzi e una minifigure di un Convertiplano V-22 Osprey:


Anche King Ghidorah è in versione piccola con diorama e velivolo aereo (denominato "Argo Jet", praticamente quello che qualcuno ha considerato una variante moderna del Super X e che si vede nella foto che avevamo postato sulla nostra pagina Facebook)


Manca Mothra, presente solo nelle versioni “Battle Pack”, che uniscono due mostri a una card-sfondo. Vediamole, partendo comunque da Godzilla e Rodan (lo sfondo riproduce il vulcano del nostro pteranodonte preferito):


Poi Godzilla e King Ghidorah (lo sfondo riproduce genericamente la città devastata dal passaggio dei due mostri):


E infine finalmente Godzilla e Mothra, sullo sfondo dell'antico tempio della dea falena, in Cina. Questa versione ha creato scalpore, perché Godzilla è proposto in versione infuocata, come compariva in Godzilla vs. Destoroyah:

Il mostro derivato dall'Oxygen Destroyer continua insomma ad aleggiare come una presenza fantasma sulla saga, ma preferiamo non sbilanciarci a considerare questo giocattolo come uno spoiler del film, tesi sostenuta da vari siti americani. Sappiamo infatti che a volte le linee di giocattoli lanciano versioni alternative e repaint, quindi potrebbe anche essere un semplice omaggio alla tradizione, slegato dalla vicenda del film. Scopriremo tutto in sala!

La linea sarà lanciata ad Aprile, un mese prima dell'uscita del film, come esclusiva per le catene Walmart. Ne consegue che ancora nulla si sa per l'arrivo dei giocattoli nei negozi italiani.