30/04/2017, ore 14:44 |  Login  |  Registrati

Ricerca Film in database:
Bookmark and Share




Skip Navigation Links
 HOME 
 FILM 
 NEWS 
 G WORLD 
 COMMUNITY 

:..ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI..:


:..ULTIME SCHEDE FILM INSERITE..:

ULTIME NEWS

Una serie tv per King Kong!


 
  

Il successo di Kong: Skull Island – che di recente ha anche superato gli incassi di Godzilla 2014 dando rinnovato slancio al MonsterVerse – sembra essere solo il preludio a una rinnovata mania per il gorilla gigante!

Hollywood Reporter ha infatti annunciato che è in lavorazione una serie tv in Live Action, prodotta da MarVista Entertainment and IM Global (attraverso la joint venture che quest'ultimo ha creato fra il colosso cinese Tencent e Tang Media Partners per la realizzazione di serie tv).

La serie sarà scritta da Jonathan Penner e Stacy Title (rispettivamente sceneggiatore e regista dell'horror The Bye Bye Man, attualmente nelle nostre sale), che ricopriranno pure il ruolo di produttori esecutivi insieme a Dannie Festa di World Builder Entertainment.

Il progetto mira a prendere le mosse dal primo film del 1933 e, contestualmente, dal progetto crossmediale Kong: King of Skull Island, di Joe DeVito (potete approfondire sul sito ufficiale), per esplorare “gli orrori e le meraviglie dell'Isola del Teschio e le sue origini”. Nonostante l'evidente recupero del feeling originale, la storia sarà ambientata nell'epoca moderna, con un cast multiculturale e una protagonista femminile – ovviamente, considerata la predilezione di Kong per le donne!


 

La serie non sarà quindi collegata al MonsterVerse Legendary e marcherà la prima apparizione di Kong in Live Action in televisione (il primato “catodico” assoluto spetta invece alla serie animata americano-giapponese, di cui potete leggere un bel report su Retronika).

Al momento non ci sono ancora tempi certi per la trasmissione, né nomi forti coinvolti, ma i produttori hanno rilasciato le prime dichiarazioni. Partiamo da Fernando Szew, amministratore delegato di MarVist:

Jonathan e Stacy hanno preso un modo che ha catturato l'attenzione del pubblico in varie forme nel corso del tempo e l'hanno riletto in chiave contemporanea e femminile. Ci siamo imbarcati con grandi aspettative in questa avventura, insieme a IM Global Television, per portare questa nuova ed eccitante visione direttamente nelle case dei telespettatori.

 

Mark Stern, presidente proprio di IM Global Television, gli fa eco:

É una storia senza tempo che continua chiaramente a suscitare un interesse profondo e duraturo. Adoriamo l'approccio adottato da Stacy e Jonathan per questa versione e non vediamo l'ora di collaborare con MarVista per dare vita a questo implacabile racconto di avventura e sopravvivenza per una nuova generazione di fan di Kong.

 

Infine, le parole di Dannie Festa:

È stato un privilegio lavorare con Joe DeVito e la sua visione unica e mai vista prima dell'universo di Kong. Siamo sicuri che saprà attrarre con forza i fan di tutto il mondo.

 

Ricordiamo che la prossima apparizione di Kong sullo schermo è prevista nel 2020 con l'attesissimo Godzilla vs. Kong di Legendary Pictures.

 

 

La discussione sul forum


 

Recensione italiana per Colossal!


 
  

Il cammino di Colossal continua a essere travagliato: non abbiamo ancora conferme circa un'uscita italiana, mentre quella americana è avvenuta lo scorso 14 Aprile, solo in alcune sale, dopo un breve percorso nei festival. Proprio oggi è invece prevista l'uscita in Canada.

 

Nel frattempo, noi continuiamo a tenere d'occhio la pellicola di Nacho Vigalondo e in nostro aiuto viene la bella recensione italiana dell'amico Omar Serafini (che già conosciamo come admin di Fantascientificast), pubblicata da Latitudine Zero.

Autorizzati dallo stesso Omar, che ringraziamo per questo, ne riportiamo un ampio stralcio:
 

Contrariamente a molti dei suoi connazionali, Nacho Vigalondo non ha mai abboccato ai richiami delle sirene hollywoodiane, rimanendo ben piantato nella sua idea di cinema trasversale e di nicchia, inaugurata con Timecrimes e proseguita con Extraterrestre e Open Windows. (…) Colossal è una delle sorprese più piacevoli degli ultimi anni.

Con un’idea di partenza così folle si poteva facilmente finire nel ridicolo, ma qui il regista opera un piccolo miracolo: non solo riesce a trovare un ottimo equilibrio tra componenti in apparenza incompatibili (commedia, dramma e monster movie), ma con pochi mezzi a disposizione, e un cast azzeccatissimo, ci fa realmente credere in questa favola agrodolce.

Poi va da sé che gran parte del merito va alla splendida Anne Hathaway (una che ti fa innamorare anche quando è di spalle), ma bisogna avere fegato e talento per proporre quella che potremmo definire come una versione romantica, stralunata e minimalista di Pacific Rim.

 

L'aspetto interessante della recensione è che sottolinea l'elemento umano e affettivo (la sintesi è infatti “il film per far sognare e riflettere sull’amore”), prefigurando un'opera che non si ferma al semplice omaggio al kaiju eiga, ma riesce a darci qualcosa in più.

Non possiamo che ribadire quindi il nostro desiderio di un'uscita italiana, che speriamo avvenga quanto prima.

 

La discussione sul forum


 

Il cast di Godzilla 2 si allarga!


 
  

Con le riprese sempre più vicine, continua ad ampliarsi il cast “umano” di Godzilla: King of the Monsters, la nuova pellicola del Re dei mostri prodotta dalla Legendary Pictures.

 

Ieri Deadline ha infatti rivelato l'ingresso nel cast di Aisha Hinds, già comparsa in un piccolo ruolo in Star Trek - Into Darkness e più di recente apprezzata interprete della serie tv Underground. Il suo ruolo nel film non è ancora specificato.

La presenza dell'attrice è stata poi confermata direttamente dal regista Mike Dougherty via Twitter:

 

Fra i nuovi arrivi del cast dovrebbe aggiungersi anche O'Shea Jackson Jr., già visto in Straight Outta Compton: in questo caso non ci sono conferme ufficiali, il nome è stato fatto da Variety che parla di “negoziazioni” con l'attore.



Anche qui c'è un tweet di Mike Dougherty, che però si limita a un commento divertente, senza conferme né smentite. Lasciamo ogni considerazione ai lettori.

Da notare che O'Shea è figlio del celebre rapper Ice Cube, grande appassionato di Godzilla, come testimonia un simpatico video che lo vede alla première di Godzilla 2014 proprio insieme al figlio. Si tratterebbe quindi di un ingresso decisamente benvenuto da parte dell'interessato e della comunità di appassionati!

 

 

Resta invece ancora incerta la presenza di Ken Watanabe, che lo stesso Variety ritiene probabile. Il suo personaggio si offrirebbe naturalmente come possibile collegamento fra i vari film, ma l'incertezza della situazione non è aiutata dalle problematiche notizie di salute, che hanno visto nel 2016 l'attore sottoporsi ai trattamenti del caso per un cancro allo stomaco, dal quale sembrerebbe comunque essersi ripreso. Restiamo in attesa di novità, sperando di riavere il professor Serizawa ancora a bordo!


Infine, segnaliamo un casting call riportato dal sito di LeadCastingCall, relativo a vari ruoli minori. A colpire è soprattutto la ricerca di attori per il ruolo di cacciatori di taglie (“Bounty Hunters”), che apre scenari decisamente inediti per la saga!

Gli altri ruoli comprendono l'equipaggio per navi e sottomarini, piloti di veicoli aerei, esperti in uso di armi, bidelli, ammiragli e generali, senatori e professori.

 

La discussione sul forum


 

Intervista esclusiva a Dynit!


 
  

Dopo l'annuncio ufficiale dell'uscita nei cinema, è tempo di approfondire le modalità che hanno portato Godzilla a percorrere nuovamente il lungo cammino dal Giappone all'Italia!

Sono infatti trascorsi ben 41 anni da quel 1976 che ha visto passare per le nostre sale Il trionfo di King Kong, Ai confini della realtà e Distruggete Kong: La Terra è in pericolo, ultime pellicole della saga a contendersi l'onore della platea. C'è tutta una generazione che non ha mai potuto assistere a un'avventura nipponica del Re dei mostri sul grande schermo e quindi l'arrivo del nuovo progetto firmato da Hideaki Anno e Shinji Higuchi ha il sapore di un vero e proprio evento!

Per saperne di più abbiamo quindi intervistato Carlo Cavazzoni, Direttore Esecutivo di Dynit, la società che, insieme al distributore QMI Stardust, porterà al cinema il nuovissimo Shin Godzilla – questo il titolo definitivo che viene perciò a sostituire il precedente Godzilla Resurgence e che d'ora in poi impiegheremo in tutti i materiali presenti sul sito.

L'intervista, che potete leggere qui di seguito, tocca vari punti: le decisioni che hanno portato alla distribuzione italiana, le difficoltà del mercato italiano, le scelte artistiche di Hideaki Anno, l'home video, gli inediti e, in anteprima, le date ufficiali dell'uscita italiana di Shin Godzilla.

Nel ringraziare Carlo Cavazzoni per la disponibilità dimostrata, auguriamo a tutti buona lettura!

 

 

Ciao Carlo e benvenuto su Fantaclassici. La scelta di Dynit di proporre in Italia il nuovo Godzilla di Hideaki Anno e Shinji Higuchi ci ha piacevolmente colto di sorpresa. Come è avvenuta?

Grazie, siamo molto contenti di avervi sorpreso e entusiasmato! Godzilla rappresenta sicuramente un brand importante e quando siamo venuti a conoscenza del nuovo progetto ci siamo interessati subito ad acquisirne i diritti per l'Italia. Ci piace pensare di aver creduto nelle potenzialità dell'opera in tempi non sospetti, tanto che l'acquisizione è avvenuta prima che il film ottenesse in Giappone lo straordinario successo che oggi sappiamo.
 

Il fatto che il regista fosse Hideaki Anno ha giocato un qualche ruolo nella scelta? Dynit dopotutto ha un rapporto consolidato con lui essendo il distributore italiano di serie quali Neon Genesis Evangelion e Le situazioni di lui e lei.

No, la scelta è stata determinata dal solo Godzilla, anche se certamente il nome di Hideaki Anno costituisce un valore aggiunto in termini di qualità. Il fatto che avessimo in passato distribuito le precedenti opere di Anno può aver influito, ma non ha rappresentato un elemento definitivo. Le opere che hai citato, infatti, sono prodotte dallo Studio Gainax, mentre Godzilla è una proprietà Toho.

(Foto: Carlo Cavazzoni e Hideaki Anno)


Questa distribuzione, peraltro, segna un vero e proprio record: era dalla fine degli anni Settanta che un film di Godzilla non usciva nei cinema italiani – naturalmente ci riferiamo a quelli realizzati in Giappone e non alle pellicole americane, arrivate regolarmente. Nel recente passato Dynit ha già cercato di rompere gli abituali schemi distributivi legati alle sole proposte occidentali, portando in sala il Live Action di Space Battleship Yamato. Quanto è complesso portare simili titoli sul grande schermo?

Sicuramente non è facile, in Occidente sembra esserci una certa preclusione verso i Live Action asiatici, a causa della loro evidente diversità estetica e culturale rispetto al modello dominante (che ovviamente è quello americano). In ogni caso, Dynit ha sempre avuto un occhio di riguardo per queste proposte, che troviamo molto interessanti e spesso sorprendenti: così, laddove reputiamo che la proposta sia solida siamo ben felici di proporla, come avviene con Godzilla che ha una lunga storia alle spalle e un nutrito seguito di appassionati in tutto il mondo. Poi, naturalmente, a giocare un ruolo determinante è la qualità dell'opera stessa e con il nuovo film siamo convinti che il potenziale sia tale da interessare un pubblico più vasto.
 

A proposito di Live Action, ricordiamo anche il bel tentativo di proposta di Garo, l'interessante serie tokusatsu che avrebbe meritato più attenzione: che differenze ci sono fra importare un film e una serie di questo tipo?

Film cinematografici e serie televisive sono due ambiti diversi, con un differente sfruttamento e che, di conseguenza, comportano problematiche specifiche. In quanto prodotto seriale, i tokusatsu comportano anche un tipo di investimento più impegnativo. Nel caso specifico, Garo è un esperimento che abbiamo fatto con Mtv e che purtroppo non ha incontrato il favore del pubblico. La stessa dirigenza di Mtv lo ha trovato troppo distante dagli obiettivi fissati per la fascia dell'Anime Night. Naturalmente ce ne dispiace, ma la voglia di continuare a sperimentare con simili formati è ancora viva, prova ne siano le due serie diffuse attraverso la piattaforma VVVVID, Death Note e Prison School che abbiamo proposto in versione sottotitolata con un esito interessante. Questo ci conforta e ci permetterà di continuare a tenere alta l'attenzione su questo tipo di prodotti.

Tornando a Godzilla, prima citavi il successo riscosso in Giappone, culminato anche nell'assegnazione di sette Japan Academy Awards, gli Oscar nipponici. Questo enorme consenso che la pellicola ha avuto in patria influenzerà in qualche modo la campagna promozionale italiana? Quali sono le aspettative di Dynit per il film?

Le aspettative sono buone, ma preferiamo in ogni caso restare con i piedi per terra: abbiamo la “presunzione” di conoscere il nostro mercato e siamo consapevoli che ci sarà un target specifico che accoglierà la proposta con calore – mi riferisco naturalmente agli appassionati di Godzilla come voi o a chi segue in generale gli anime o la cultura giapponese. Diverso sarà riuscire a catturare anche l'attenzione di un pubblico più generalista, una sfida che speriamo naturalmente di vincere.

A questo proposito c'è già stato un primo test con la recente anteprima a Cartoons on the Bay: puoi raccontarci com'è andata?

L'anteprima è andata molto bene, la sala era piena e il pubblico ha risposto con entusiasmo, anche il doppiaggio è piaciuto. Pure in questo caso, però, ci muoviamo con cautela: siamo infatti consapevoli che i festival costituiscono una platea particolare, fatta di spettatori potenzialmente già interessati a questo tipo di prodotti e quindi diversi dal pubblico che frequenta le sale cinematografiche. Le prime recensioni arrivate dopo l'anteprima sono comunque positive e ne siamo contenti.
 

Sulle note presenti sul vostro sito, il film è presentato come “un remake del Godzilla classico, con un taglio moderno e realistico, metafora dei drammatici eventi di Fukushima”. Ci puoi dare qualche dettaglio in più? chi non ha potuto assistere all'anteprima, che tipo di pellicola si deve aspettare, che sia un appassionato o un neofita?

Il film è un reboot del classico Godzilla, con una storia che non tiene conto dei film precedenti, anche se Hideaki Anno, da grande appassionato del genere, ha reso qualche omaggio al passato. Il tono è quindi diverso, e lontano da una certa ingenuità che è sempre stata in qualche modo presente nella saga: al contrario, è un film ambizioso, che propone il personaggio in una veste realistica e drammatica. Ho avuto il piacere di discuterne direttamente con il signor Hideaki Anno, che mi ha spiegato come la storia sia per l'appunto una grande metafora degli eventi di Fukushima. Ciò che infatti lo interessava era indagare i modi in cui la popolazione e i governanti giapponesi reagiscono alle catastrofi. Un aspetto che effettivamente è molto ben approfondito nel film, anche a spese di altri che ci si aspetteremmo da un prodotto del genere. Sarà sicuramente una bella sorpresa per tutti gli appassionati!
 

Una curiosità: la Toho usa Godzilla Resurgence come titolo per il mercato internazionale, il vostro sito invece propone Shin Godzilla – per inciso lo stesso usato in America. Sarà dunque questo il titolo dell'edizione italiana?

Godzilla Resurgence è il titolo inizialmente scelto da Toho per la distribuzione internazionale, poi accantonato, presumo per l'esplicita richiesta di una major americana che stava proponendo un film con un titolo simile (Independence Day: Resurgence, da noi Independence Day: Rigenerazione, ndr.). Da quel momento in poi il titolo utilizzato per la distribuzione in tutto il mondo è diventato Shin Godzilla. Noi avevamo chiesto di poterlo adattare in Godzilla: La rinascita, nell'ottica di una localizzazione che fosse il più chiara possibile per il grande pubblico. Toho però ha respinto la nostra richiesta e quindi il titolo italiano sarà proprio Shin Godzilla.

Quando hai detto di voler adattare il titolo ho temuto per un attimo di ritrovarmi ancora una volta di fronte a un altro Il ritorno di Godzilla, che è già stato usato due volte in Italia!

No, puoi stare tranquillo in questo senso! La scelta di Godzilla: La rinascita era stata fatta per sottolineare come fosse, per l'appunto, un reboot. E poi “La rinascita” adatta l'originario “Resurgence”. Chissà, magari gli appassionati saranno in ogni caso contenti di avere il titolo giapponese.
 

La saga di Godzilla conta ormai 31 titoli, fra Giappone e America, e altri ancora arriveranno! In Italia però, dopo i già citati fasti degli anni Settanta, tutta la produzione giapponese successiva al 1992 è rimasta inedita. L'ultimo titolo arrivato nel nostro paese, all'epoca direttamente in videocassetta, è stato infatti Godzilla contro Mothra, e sono tuttora inediti gli altri nove capitoli realizzati fino al 2004. Alla luce della scelta di importare Shin Godzilla, pensi sia realistico in futuro proporre anche quelli mancanti, magari nel solo mercato dell'home cinema o attraverso le vostre partnership con le piattaforme streaming?

La possibilità c'è e ci siamo già interessati in merito. La situazione è comunque complessa, i film non sono pochi e si dovrebbe anche decidere l'ordine in cui proporli. Tutto è comunque soggetto alla risposta che avrà Shin Godzilla in Italia, sia in sala che nella successiva distribuzione home video. Una volta che avremo dei dati più sicuri potremo sbilanciarci su un eventuale recupero degli inediti.

 

Anche la situazione dei titoli editi non è comunque rosea: alcuni capitoli sono fuori catalogo e più utenti ci hanno chiesto come fare a reperirli. Da parte vostra ci sarebbe un interesse anche in questo senso?

Sì, l'interesse per una simile riproposta c'è. In questo caso, però, il problema principale riguarda il reperimento delle colonne audio italiane, in fondo questi film sono arrivati all'epoca attraverso piccole società, che magari non esistono più. Magari, in quanto appassionati della materia, potrete aiutarci eventualmente a venirne a capo!

 

Certo, volentieri! Nel frattempo, l'uscita di Shin Godzilla è stata fissata a Luglio. È possibile avere qualche indicazione più precisa circa la data? Sarà usata la formula dell'evento come accade con le proiezioni del bel ciclo Nexo Anime?

Le date sono state decise e possiamo finalmente annunciarle: saranno il 3, 4 e 5 Luglio. Il distributore comunque non sarà Nexo Digital, ma QMI Stardust, fra i più importanti in Italia nel lancio con la formula dell'evento. La scelta di Luglio è stata fatta per evitare una concorrenza troppo agguerrita, e per concentrare l'interesse sull'alternativa rappresentata da Shin Godzilla.
 

Infine qualche dettaglio sull'edizione italiana: hai anticipato che il film è già stato doppiato, puoi darci qualche informazione sulla lavorazione? La pellicola sarà proposta integralmente? La Toho ha mosso qualche richiesta specifica in materia di adattamento e doppiaggio?

Il doppiaggio è stato effettuato a Roma presso C.D. CINE DUBBING INT. Srl, con cui c'è un rapporto consolidato. Ho svolto personalmente il ruolo di responsabile dell'edizione italiana, supervisionando i lavori e scegliendo il cast e posso dirvi che il lavoro è stato molto impegnativo, a causa dell'altissimo numero di personaggi coinvolti nella storia e della recitazione molto concitata imposta da Hideaki Anno agli attori giapponesi. Una scelta precisa, volta ad accentuare al massimo la tensione generata dall'arrivo di Godzilla. Quindi riprodurre questo stile così frenetico è stata una sfida difficile ma anche entusiasmante e penso che il risultato sia molto buono, si tratta certamente del migliore doppiaggio che abbiamo mai realizzato per un Live Action. I primi feedback, in questo senso, sono stati positivi. La pellicola sarà naturalmente proposta in versione integrale e la Toho non ha mosso richieste specifiche. Solo Hideaki Anno ci ha chiesto di rispettare la sua scelta stilistica – peraltro non attraverso richieste formali, ma in modo colloquiale mentre ne discutevamo a cena.

 

La tua valutazione di “migliore doppiaggio” è decisamente sorprendente, considerando quanto alti siano da sempre i vostri standard su questo punto!

Doppiare un Live Action giapponese non è mai facile perché il modo di recitare degli attori è molto diverso da quello occidentale, e risente della tradizione imposta dal teatro kabuki, orientata a una maggiore gestualità. Quindi il doppiaggio suona spesso un po' falso e “scollato”. La scelta delle voci italiane può aiutare a superare queste differenze, creando la connessione necessaria con il pubblico, e quindi è molto importante. Sì, come sempre cerchiamo di non lasciare nulla al caso!

 

Quando sarà annunciato ufficialmente il cast dell'edizione italiana?

Nell'ambito della comunicazione promozionale legata al film ci sarà un annuncio ufficiale a ridosso dell'uscita italiana. Speriamo in questo modo di incuriosire ancora di più il pubblico perché partecipi numeroso al grande ritorno nelle nostre sale dell'originale Godzilla giapponese.

 

La discussione sul forum


 

Godzilla Resurgence nei nostri cinema a luglio!


 
  

Attraverso un comunicato stampa, Dynit ha ufficialmente annunciato l’uscita nelle sale italiane di Godzilla Resurgence il prossimo luglio.

Distribuito come "uscita evento" in date da definirsi da QMI Stardust, in collaborazione con Minerva Pictures, il film, reduce dal successo ottenuto agli ultimi  Japan Academy Awards, sarà proiettato in anteprima assoluta domani 6 aprile alle 20.00 al Cinema Ambrosio di Torino, nel corso della 21ª edizione di Cartoons on the Bay, il festival internazionale dell’animazione cross-mediale e della tv dei ragazzi che quest’anno omaggia il Giappone e che per la prima volta si svolge nel capoluogo piemontese.


La discussione sul forum


 

Un nuovo kaiju per promuovere il turismo dello Stretto di Kanmon in un fantastico video!


 
  

Una clip, prodotta dall’ente del turismo Kitakyushu Sightseeing Association e realizzata da Shirogumi, il team responsabile degli effetti speciali di Godzilla Resurgence, invita a visitare lo Stretto di Kanmon, situato tra le isole di Honshu e di Kyushu, in Giappone, noto per le sue fortissime correnti marine che possono raggiungere velocità davvero ragguardevoli.



Protagonista dello spot, intitolato Come on KANMON Straits! è un kaiju creato per l’occasione chiamato Kaseindon, nome mutuato da un tipico piatto della cucina giapponese a base di riso e frutti di mare.


Nel filmato diretto da Kan Eguchi vediamo la gigantesca creatura, alta ben 229 metri per 120.000 tonnellate di peso, emergere dalle acque del canale scatenando il panico tra gli abitanti della zona, salvo poi dover fronteggiare le impetuose correnti di marea.



Scoprite quanto accade nel fantastico quanto divertente video di seguito:



[Fonte: Net Lab]

Il sito ufficiale

La discussione sul forum

 

Godzil-land si sposta a Gubbio


 
  

Non siete stati a Padova a vedere la mostra Godzil-land – Un viaggio fantastico dal Mondo perduto a Jurassic Park, curata da Fabrizio Modina e realizzata con la collaborazione di Arcadia Arte? Niente paura, c'è la possibilità di rimediare!

 

A partire da oggi, infatti, la mostra si sposta in Umbria, e precisamente a Gubbio, presso il Monastero di San Benedetto, in via del Perilasio 2.

Ecco le note principali del comunicato ufficiale:

 

Dinosauri in Carne e Ossa

presenta

EXTINCTION

Anteprima di una grande mostra dedicata all’estinzione

e

GODZIL-LAND

Un viaggio fantastico dal Mondo Perduto a Jurassic Park

 

Monastero di San Benedetto, via del Perilasio 2, Gubbio

dal 1° aprile al 1° ottobre 2017

 

Scienza e fantascienza in due allestimenti che riaprono al pubblico gli spazi suggestivi del Monastero di San Benedetto, a Gubbio: l’uno prende spunto dalla drammatica estinzione di massa documentata negli strati geologici della Gola del Bottaccione, celebre per aver annientato i dinosauri mesozoici, per presentare l’anteprima di una grande mostra dedicata; l’altro indaga l’intramontabile fascino dei dinosauri come icone dell’immaginario collettivo e protagonisti assoluti della Pop Culture. Le ricostruzioni strettamente scientifiche dei paleontologi si affiancano alle produzioni fantasiose della cultura di massa, trovando un comune denominatore nell’attrattiva che entrambe esercitano sul grande pubblico e nella risonanza di cui godono presso i mass media.


La mostra in pillole

- Cultura e intrattenimento per tutte le età

- Scienza, fantasia e fantascienza

- Paleoarte e arti della cultura popolare

- Dinosauri e altri animali preistorici

- Come (ri)costruire un dinosauro

- Fossili e calchi di fossili

- Immagini, manifesti, modelli da collezione e giocattoli

- La Quadrisfera di Paco Lanciano

 

Extinction è realizzata da www.dinosauricarneossa.it

Godzil-Land è curata da Fabrizio Modina e realizzata con la collaborazione di Arcadia Arte. www.godzilland.it

Entrambi gli allestimenti e la Quadrisfera di Paco Lanciano sono visitabili con un unico biglietto di ingresso.

 

La mostra sarà visitabile fino all'1 Ottobre, per i dettagli relativi a tariffe e orari rimandiamo al sito del comune di Gubbio.

Ricordiamo inoltre che in occasione dell'allestimento di Padova avevamo intervistato il curatore Fabrizio Modina, vi rimandiamo a quell'articolo per gli approfondimenti.

 

La discussione sul forum


 

Terminate (ora sì) le riprese di Pacific Rim 2!


 
  

Siamo stati con tutta probabilità gli unici nella Rete a dare correttamente la notizia che le riprese di Pacific Rim: Uprising non erano terminate tre giorni fa, come da errata interpretazione di un tweet di John Boyega.

 

Ci pare pertanto giusto completare l'opera riportando l'annuncio del regista Steven S. De Knight che circa 3 ore fa ha postato sui suoi profili Twitter e Instagram l'ufficiale fine dei lavori sul set. Ecco l'immagine pubblicata per l'occasione:

E il commento:

That's a picture wrap on #PacificRimUprising! Huge thanks to cast, crew, and @legendary & @universalpictures! (And the amazing @jasinboland for the photo!)

Trad: è una foto di fine riprese per Pacific Rim Uprising! Un enorme grazie al cast, alla troupe, a Legendary e Universal Pictures! (E all'incredibile Jasin Boland per la foto!)

 

Iniziate il 9 Novembre 2016 e terminate quindi oggi, 31 Marzo, le riprese hanno dunque occupato quasi cinque mesi. Ora inizia la fase di post-produzione, in attesa dell'uscita prevista per il 23 Febbraio 2018 in America e il 9 Marzo in Italia.


Ironia del destino: proprio stasera il primo Pacific Rim passa su Italia 1 alle ore 21:10 (qui sotto il banner che campeggia sulla pagina Facebook dell'emittente). Decisamente l'occasione ideale per festeggiare Jaeger e Kaiju!


La discussione sul forum


 

Aggiornamento sulle riprese di Pacific Rim


 
  

Iniziate lo scorso Novembre in Australia, come da noi riportato, le riprese di Pacific Rim: Uprising sono attualmente ancora in corso.

 

In queste ore si è infatti diffusa la notizia della loro fine, complice questa immagine postata da John Boyega su Twitter:

L'attore l'ha accompagnata con questo commento:

Sono stati sei mesi incredibili. Ora è finita su Pacific Rim Uprising (l'espressione classica è “it's a wrap”).

 

In realtà, Boyega si riferisce alla fine del suo lavoro nel film. Il regista Steven S.DeKnight ha infatti retwittato il post di Boyega e precisato:
 

Ho adorato lavorare con te, fratello [rivolto direttamente a Boyega ndr]. Che viaggio incredibile che è stato. Ancora tre giorni e poi anche noi smetteremo come te.

E, ancora, in un altro post rivolto a un utente che si congratulava per la fine delle riprese:
 

In realtà stiamo ancora girando. Stiamo congedando solo i talenti che finiscono.


Quindi la fine è effettivamente vicina, ma non è ancora il giorno dei festeggiamenti. Naturalmente dopo il termine delle riprese avrà luogo la lunga fase di post-produzione per preparare gli effetti speciali.

I lavori attualmente si sono spostati in Cina, come si può intuire dalla foto postata da Boyega con la scritta in cinese alle spalle. Lo stesso attore, il 9 Marzo, aveva postato sempre su Twitter, uno scatto da una cerimonia di buon augurio tenutasi il primo giorno di riprese nel paese asiatico:


Pacific Rim: Uprising
uscirà in America il 23 Febbraio 2018, e in Italia il 9 Marzo dello stesso anno.

 

La discussione sul forum