29/09/2020, ore 01:01 |  Login  |  Registrati

Ricerca Film in database:
Bookmark and Share




Skip Navigation Links
 HOME 
 FILM 
 NEWS 
 G WORLD 
 COMMUNITY 
Skip Navigation Links

Recensione Gli Eredi di King Kong


 


  Casa produzione: PASSWORLD
Casa distribuzione: EAGLE
Formato video: 2.35:1 widescreen 16/9 [la fascetta indica per errore 1.85:1]
Codice area DVD: 2
Colore/Bianco e Nero: colore, Tohoscope
Vietato ai minori: No
DVD Nella confezione: 1
Comprende:
  • Audio: Italiano Dolby Digital 5.1 e mono 1.0; inglese stereo 2.0; giapponese mono 1.0
  • Sottotitoli: Italiano
  • Contenuti speciali: Trailer riedizione giapponese; Trailer Usa; Galleria fotografica (21 foto); Manifesti cinematografici (5 foto); Cover videogame (2 foto); Titoli di testa italiani; Poster da collezione.

 

Titolo originale jap: Kaiju Soshingeki [trad.: l’attacco di tutti i mostri];
Titolo americano: Destroy All Monsters

.:: Valutazioni ::.
Film: 9
Video: 7 (ottimo master fornito dalla Toho, ma nella conversione da ntsc a pal si è persa un po’ di definizione; è inoltre presente una pausa di una frazione di secondo in corrispondenza di ciascun capitolo)
Audio: 7 (ampia possibilità di scelta, i sottotitoli sono selezionabili solo dal menù e obbligatori sul giapponese)
Extra: 6
Prezzo: 9 (edizione completa, ma economica: circa 10 euro)

Il film è presentato nella versione integrale: le scene inedite sono in lingua originale con sottotitoli in italiano automatici.

Altre Informazioni

 


Immagini Film:
Immagine Film
 
Immagine Film
 
Immagine Film
 
Immagine Film
 
Immagine Film
 
Immagine Film
 
Regista: Ishiro Honda
Sceneggiatura: Ishiro Honda, Takeshi Kimura
Prodotto da: Tomoyuki Tanaka
Fotografia: Taiichi Kankura
Musica di: Akira Ifukube
Direttore Effetti Speciali: Teisho Arikawa, Eiji Tsuburaya
Montaggio: Ryohei Fujii
Scenografia: Takeo Kita
Anno di produzione: 1968
Durata: 88’
Uscita in Giappone: 1 agosto 1968 (poi rieditato nel 1972)
Uscita italiana: 1970
Compra DvD

Attori



Kenji Sahara - Nishikawa
Yoshio Tsuchiya - Dr. Otani
Akira Kubo - Katsuo Yamabe
Jun Tazaki - Dr. Yoshida
Yukiko Kobayashi - Kyoko Manabe
Kyoko Ai - Leader of the Kilaaks
Haruo Nakajima - Godzilla
Andrew Hughes - Dr. Stevenson
Yoshifumi Tajima - Commander Sugiyama

Trama



  Il gigantesco Godzilla attacca New York! Il mostro alato Rodan devasta Mosca! Il serpente marino Manda demolisce Londra! La Larva Mothra distrugge Pechino! Nulla sembra in grado di fermare la loro furia e gli eserciti di tutto il mondo cercano in ogni modo di annientarli. L'equipaggio dell'astronave SY-3 affronta i malvagi alieni Lilaak che li hanno liberati dall'isola prigione di Ogasawara.


Curiosità ed altro



  Fra i piu' amati capitoli della saga di Godzilla, Gli eredi di King Kong e' il ventesimo Kaiju Eiga realizzato dalla Toho e per questo motivo, oltre a proporre un budget piu' alto del normale (intorno ai 200 milioni di yen), raccoglie quasi tutti i mostri sino a quel momento inventati dalla casa di produzione asiatica. Per alcuni e' la prima volta che il loro percorso si intreccia a quello di Godzilla, ad esempio Manda viene da Atragon (1963), Baragon da Frankenstein alla conquista della Terra (1965), Varan da Daikaiju Baran (1958) [inedito in Italia], Gorosaurus da King Kong il gigante della foresta (1966).
  Il numero record di 11 creature riunite in una stessa pellicola verra' superato soltanto nel 2004, dai 15 mostri di Godzilla Final Wars.
  Nelle intenzioni dei produttori il film doveva chiudere la serie e per questo si ambienta in un futuro (per l'epoca) 1999: il successo riscosso dalla pellicola, pero', porto' alla creazione di nuovi capitoli. E' anche l'ultimo Kaiju Eiga che vede riuniti i ''grandi quattro'' della Toho, ovvero il regista Honda, (rientrato al timone della serie dopo tre anni di assenza), il produttore Tomoyuki Tanaka, il compositore Akira Ifukube (anch'egli assente da tre anni) e il maestro degli effetti speciali Eiji Tsuburaya.
  Nella sequenza dell'attacco a Parigi si riconosce chiaramente Gorosaurus emergere dal sottosuolo e demolire l'arco di trionfo. Eppure lo speaker televisivo spaccia Baragon come autore dell?impresa. L'errore e' dovuto al fatto che nella scena avrebbe realmente dovuto comparire Baragon, ma il costume troppo malandato costrinse poi a una sostituzione in corsa. In effetti l'abitudine a muoversi sottoterra e' tipica di Baragon e non di Gorosaurus.
  Baragon compare comunque nel grande duello finale contro King Ghidorah in una brevissima apparizione.
  Viene qui introdotta anche l'isola dei mostri di Ogasawara, dove le creature sono state confinate: un luogo che comparira' anche in parte dei film successivi.