20/01/2021, ore 20:32 |  Login  |  Registrati
Ricerca Film in database:
Bookmark and Share

Skip Navigation Links

- NEWS DEL 2011

- NEWS DEL 2010

- NEWS DEL 2009

Godzilla vs Kong al cinema E in streaming!


 
Immagine associata alla news
  

Nell'infinito ping pong di rinvii cui viene sottoposto ormai da anni, Godzilla vs Kong sembra avere finalmente trovato pace!

L'annuncio di ieri, infatti, non solo conferma l'uscita per maggio 2021, ma mette anche a tacere alcuni rumor circolati nei giorni scorsi. Procediamo con ordine.

Inizialmente previsto per il 19 maggio 2019, il film era stato varie volte spostato di collocazione: prima al 13 marzo 2020, poi al 20 novembre 2020 e infine al 21 maggio 2021. Il problema è che nel frattempo è successo letteralmente di tutto!


La pandemia ha infatti scombussolato il calendario delle uscite, costretto al rinvio molti titoli di grosso calibro e annichilito il mercato della distribuzione nelle sale, favorendo invece quello dello streaming. La pietra tombale sembrava la “voce di corridoio” secondo la quale Netflix aveva offerto ben 200 milioni alla Warner per poter programmare Godzilla vs Kong sulla sua piattaforma (non una novità, peraltro, c'era stato un tentativo anche con Wonder Woman 1984, che nella timeline delle uscite precede il kolossal Legendary).

Naturalmente, nella solita tendenza internettiana alle esemplificazioni sembrava cosa fatta e quindi già si parlava di “Godzilla vs Kong in streaming”, ma la verità è che il mondo degli affari è fatto di offerte e contrattazioni e nulla può dirsi certo fino a un annuncio ufficiale. Che è arrivato ieri.

No, Godzilla vs Kong non andrà su Netflix. E no, non dovremo rinunciarlo a vedere in sala rassegnandoci al divano di casa.

Con una mossa che spariglia tutte le carte, Warner ha annunciato che 17 film della programmazione cinematografica del 2021 avranno una distribuzione ibrida, contemporaneamente al cinema E in streaming su HBO Max. Fra i titoli compresi c'è, ovviamente, pure Godzilla vs Kong.

La decisione, che al momento è prevista soltanto per il mercato americano (ma HBO Max sta già muovendo i passi per arrivare in Europa nel 2021) cerca in questo modo di risolvere una serie di problemi che si erano nel frattempo creati:

innanzitutto recuperare il denaro speso per realizzare dei film di grosso calibro che erano rimasti “parcheggiati” in attesa del da farsi (ricordiamo che parliamo di film in larga parte già completi). Poi la difficoltà di trovare uno spazio cinematografico libero in un 2021 in cui si stavano ammassando molti titoli. Naturalmente bisogna poi aggiungere la difficoltà di imbastire una efficace campagna marketing in un momento in cui il 2021 sembra offrire spiragli di ritorni alla normalità, ma non certezze. Il discorso non comprende la sola uscita in sala, ma tutte le iniziative collegate ai singoli film.

Con questa mossa, insomma, Warner mette le proverbiali “mani avanti”, assicurandosi una disponibilità d'azione su tutti i fronti che le permetterà di non dover rinviare ulteriormente i suoi titoli più importanti. Prova ne sia come la campagna marketing di Godzilla vs Kong ha già fatto registrare un passo in avanti con il disvelamento del nuovo logo (che speriamo preluda presto anche al tanto atteso primo trailer):


La domanda da porsi ora è un'altra: è questo il preludio alla fine dell'esperienza in sala? In parte dipenderà dal pubblico: se, infatti, alla riapertura delle sale la gente continuerà a preferire la visione a casa, non capendo che non si tratta soltanto di “vedere il film”, ma di condividere un'esperienza collettiva, allora possiamo considerare la deriva ormai irreversibile. È bene ricordare che se oggi il cinema ha assunto l'importanza che ha è perché ha goduto nei decenni di una fruizione principale con spettacoli di massa che hanno formato attorno ai suoi titoli una comunità e un immaginario condiviso. Un'esperienza che non può essere replicata con il palliativo del virtuale.

Ma ovviamente, in parte dipenderà anche da come le major stanno interpretando questa occasione perché sono loro a tirare i fili del sistema. Una risposta a tal proposito l'ha fornita Jason Kiler, amministratore delegato di Warner in un'ottima intervista a Deadline:
 

DEADLINE: Crede ancora al mercato del cinema in sala? O questo è il nuovo modo di fare le cose? Quando inizierà il 2022 torneremo al vecchio modo di fruire il cinema? Questo è solo un esperimento?

KILAR: La risposta breve alla sua prima domanda è che credo assolutamente nel mercato del cinema in sala. Lo dico con convinzione perché so quanto ci tengano gli appassionati. E so che posso inserire pure me stesso tra i fan più accaniti dell'esperienza in sala. Credo che fra 10, 20, 50 anni da ora ci sarà ancora un robusto mercato delle sale cinematografiche, e lo dico perché ci sono davvero poche cose come il cinema che possono competere con il passare fuori il venerdì sera con qualcuno che ami. Assaporare una grande storia su uno schermo gigante in una fruizione collettiva e in un ambiente che è nuovo e interessante per te non ha paragoni. Credo che questo durerà nei decenni e oltre. Questa è la risposta breve alla prima domanda.

Per quanto riguarda come sarà il mondo dopo il 2021 non ho grandi proclami da fare. Al momento, e lo ammetto in tutta onestà, siamo focalizzati sul qui e ora. Il nostro obiettivo è attraversare questa pandemia come tutti gli uomini di affari, e stiamo investendo molte risorse intellettuali per capire quale sia la mossa giusta da fare per venire incontro alle esigenze degli appassionati, dei partner commerciali e di noi stessi. Tutte queste cose vanno fatte, questo è il nostro obiettivo ed è, ovviamente, quello che abbiamo annunciato oggi.


Quindi come si può notare, i margini perché non sia un passaggio del Rubicone ci sono, e naturalmente la Warner ragiona in termini di guadagno, legittimamente.

Anche per questo, a maggio del 2021, l'invito che facciamo è di non lasciarsi sedurre dalle chimere della visione a casa (qualora si dovesse decidere per la distribuzione ibrida anche da noi), ma di testimoniare l'importanza della sala: abbiamo e avete visto film di Godzilla in televisione per decenni, ora c'è l'occasione di goderseli al cinema e sarebbe masochista non raccoglierla.